Cari Amici,
dopo le avventure del Giappone siamo stati risucchiati appieno nel 2017.
Come vi sta andando questo anno dispari? A noi abbastanza bene, ed ora stiamo lavorando per arrivare carichi e pronti a Pasqua.
Non manca mica tanto eh!

Sappiamo che è un grande classico ma, se fatto bene, l’agnello fa sempre la sua figura in questo periodo pasquale.
Ecco quindi la mia ricetta di quest’anno. Si torna al classico in pieno stile Amaro: pochi ingredienti per una resa eccellente.

Correte quindi dal vostro macellaio di fiducia e fatevi dare delle costolette di agnello, magari un chilo. Poi preparate, per 4 persone: q.b. pepe
q.b. olio di oliva extravergine
q.b. erbe aromatiche incluse 8 foglie di menta
q.b. sale grosso
2 spicchi aglio
1 scalogno
qualche pomodorino
5 patate novelle di medie dimensioni
5 carote novelle
Bene, iniziamo.
1) prepara un leggero soffritto con parte dello scalogno tritato, olio e.v.o. e 2 cucchiai di acqua. Aggiungi il resto dello scalogno a pezzi grossi, le carote (noi le abbiamo lasciate intere, dividendole solo a metà in senso longitudinale) e le patate a cubetti. Cuoci così a coperchio semichiuso per 25 minuti, in modo da lasciare che le patate creino una crosticina. A cottura ultimata aggiungi del timo in polvere e riponi la pentola in modo da non far raffreddare troppo le verdure.
2) in un’altra padella (noi usiamo questa) sbuccia uno spicchio d’aglio, soffriggilo e rosola le costolette assieme ad abbondanti erbe aromatiche: fai cuocere il tutto per 20 minuti, anche con il coperchio chiuso.

Una volta cotto il tutto, prendi un bel piatto bianco grande, metti al centro la costoletta, versa le verdure e il sughetto di cottura della carne.

Et voilà, l’agnello è servito!